The Crystal Sip di David De Ranieri - Via della Pace 1 - 56021 Cascina (Pisa) - Italy - ​ P. IVA: 02221470509

©Tutti i diritti riservati

Torna in alto

Le bottiglie migliori sono le prime a finire

The best bottles run out quickly

Back to top

February 5, 2018

Please reload

Post recenti

Bio e Naturale/Organic and Natural

July 5, 2017

1/1
Please reload

Post in evidenza

Come rovinare una Denominazione/How to destroy an Appellation status

January 3, 2018

 

 


Fra addetti ai lavori Italiani ci si lamenta spesso che si trovano Denominazioni prestigiose in
Grande Distribuzione a Prezzi sottocosto, inaccettabili, a volte sotto il prezzo dello sfuso.
L'immagine del Vino Italiano ne risulta gravemente compromessa e ormai in diversi mercati
troppi consumatori sono abituati e convinti che si possano permettere vini importanti a prezzi
stracciati.
Non solo: se la stessa Denominazione si trova al Discount a prezzi 10 volte inferiori rispetto a
Enoteche e Ristoranti, il cliente all'Estero si sentirà giustamente preso in giro dai soliti “Italiani inaffidabili”.
A mio parere la causa principale è il lavoro degli imbottigliatori, che raccolgono varie masse di
vino sfuso da tutta Italia (o da chissà dove) e ne assemblano blend per distribuire poi Linee
Commerciali.
Gli imbottigliatori fanno il loro legittimo mestiere, i consumatori scelgono in base al loro
portafoglio o gusto e non da ultimo i produttori che hanno eccedenze di vino (o non hanno
possibilità di imbottigliare) si liberano dal magazzino e incassano contanti grazie allo sfuso.
Va bene così: basta però che un Nebbiolo o Sangiovese prodotto così non si possa chiamare
DOCG Barolo o Brunello.

 

Wine Business People in Italy often complain about dumping for prestigious DOC and DOCG.
It is easy to find in big chains the same appellation you find in a Wine Shop 10 times cheaper.
Our reliability downgrades.
We know the reasons: many producers prefer to sell grapes or bulk wines, big distributors
prepare big blends for Commercial Labels , even with the possibility to maintain a
DOC/DOCG.
The process is permitted, but it lacks in transparency. It is difficult to make controls.
A direct solution should be that at leasts the DOCG (as Barolo or Brunello) required only
Estate Bottled producers, otherwise your Nebbiolo or Sangiovese must belong to other
appellations.

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Seguici
Please reload

Cerca per tag
Please reload

Archivio
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square